Il futuro delle applicazioni Notes / Domino

Modernizzare le applicazioni Notes : la strada per salvaguardare gli investimenti aziendali

Se la tua azienda ha usato IBM Notes e Domino per anni è molto probabile che ci siano ora una serie di applicazioni basate su questa piattaforma.

Come conseguenza i server Domino dell’azienda ospitano probabilmente diverse applicazioni, assolutamente eterogenee in termini di uso, complessità e valore.
Supportare, mantenere ed avere il controllo di queste applicazioni può essere spesso un vero problema .

Le classiche applicazioni Notes avevano (ed hanno) la tendenza ad essere poco visibili: spesso implementate come prototipi per rispondere ad esigenze estemporanee col tempo si sono estese a rami diversi dell’azienda rispondendo ad esigenze diverse .
Iniziate come “due forms e quattro views” (gli sviluppatori mi capiranno benissimo) col tempo sono diventate più complesse andando a coprire ambiti ed ambienti che normalmente sarebbero stati ignorati e che hanno invece trovato la soluzione alle loro richieste.

Il tutto a bassi costi ed a tempi di sviluppo contenuti : Notes e Domino sono sempre stati una ambiente RAD per eccellenza e con scarsi costi di manutenzione vista la stabilità della piattaforma.

Oggi molte aziende sono consapevoli delle pratiche ALM (Application Lifecycle Management) . Uno dei concetti fondamentali è quello della razionalizzazione e del consolidamento di questi ambienti .

Come già mi è capitato più volte di dire non esiste una procedura di migrazione delle applicazioni Notes verso un’altra piattaforma. Probabilmente potrete migrare i dati contenuti nell’applicativo stesso ma non la logica ed il codice: quello dovete riscriverlo tutto.

Ovviamente questo ha un forte impatto in termini di costi e tempi per non parlare degli eventuali problemi che possono sorgere nel passare da una applicazione consolidata negli anni ad una totalmente nuova e riscritta (per fare le stesse cose).

Da un recente studio di Kpmg risulta che la maggior parte delle aziende si stanno concentrando proprio su questi aspetti, anche per evitare nuovi costi e massimizzare i benefici degli investimenti già fatti negli anni.

Il mantenimento e la modernizzazione delle applicazioni risultano quindi essere la strada vincente in termini di rapporto costi/benefici: un’applicazione sviluppata magari su Notes 5 può beneficiare in modo significativo di tutte le nuove possibilità offerte da Notes e Domino 9 , magari essere portata su interfaccia browser e diventare anche responsiva per essere usufruibile anche su dispositivi mobile od interfacciarsi ad altri sistemi aziendali aumentandone quindi le possibilità ed il suo valore.

Il tutto a costi minori e salvaguardando gli investimenti aziendali.