ELD Engineering consulenza IBM Notes Domino Connections Websphere

Domino dalla versione 10 all’anno 2025

Pubblicato in Annunci,Domino,Notes il

Come forse alcuni di voi hanno già scoperto IBM ha annunciato l’uscita della Release 10 di Domino e Notes per la seconda metà dell’anno prossimo.

Ma non solo…

In questo annuncio ci sono altri due punti altrettanto importanti:

Il primo è la partnership strategica con HCL Technologies per quanto riguarda lo sviluppo delle prossime versioni della famiglia di prodotti Domino e cioè

Domino
Notes (on premises and SmartCloud)
Traveler
Verse
Sametime
IBM Client Access
IMSMO (mail support for Microsoft Outlook)

Quindi tutti i prossimi sviluppi della piattaforma verranno realizzati da HCL sotto la supervisione di IBM che continuerà a detenere tutta la parte di marketing , supporto e vendita dei prodotti. Assomiglia molto alla relazione che intercorreva fra Lotus ed Iris negli primi anni di sviluppo di Notes….

Inoltre da Novembre 2017 (cioè fra pochi giorni) IBM farà partire il progetto Domino 2025 Jam inteso come una serie di incontri in giro per il mondo con lo scopo di raccogliere Feedback e suggerimenti dai clienti e dai partner su come vorrebbero che diventasse Domino nel 2025. Si tratta quindi di tracciare la strada per i prossimi anni per arrivare ad un risultato condiviso con chi utilizza Domino da anni e vuole vederlo crescere .

Quindi non solo si parla di rivitalizzare Domino ma anche di estenderlo e farlo crescere in base alle aspettative della comunità e degli utenti.

Non c’è più una data di “fine vita” per Domino e nemmeno un “almeno fino al “.

Questo significa dare nuova vita al prodotto e soprattutto salvaguardare gli attuali investimenti !!

Ecco il video con l’annuncio di Ed Brill


IBM ha rilasciato la versione 2.0.2.5 di IMSMO (Ibm Mail Support for Microsoft Outlook)

Pubblicato in Domino,Notes il

L’8 Agosto IBM ha rilasciato la versione 2.0.2.5 di IMSMO (Ibm Mail Support for Microsoft Outlook) , sia per cloud che on-premises.
IMSMO sincronizza la posta di Notes / Domino o Smartcloud con Microsoft Outlook, permettendo così agli utenti di gestire la posta stessa (basata su di un server Domino), il calendario ed i contatti con Microsoft Outlook.
IBM mail support for Microsoft Outlook (IMSMO) include sia componenti server che client ma l’ultimo aggiornamento riguarda solo la parte client.

A questo link trovate l’elenco delle fix e delle nuove feature.

imsmo

Per chi volesse più informazioni su IMSMO questo è il link alla pagina IBM

 


IBM Notes /Domino 9.0.1 Feature Pack 9 (Zircon)

Pubblicato in Domino,Notes il

IBM ha ormai rilasciato il fixpack 9 per Notes e Domino su fixcentral mentre da ieri è anche disponibile su Passport Advantage – qui potete trovare .

La lista delle fix e delle nuove feature disponibili è raggiungibile a questo link sui siti di IBM .

I part Number relativi sono elencati qui .

Buon aggiornamento a tutti !

Lotus Notes Domino


I Feature Pack di Notes ed il Domino Tour 2017

Pubblicato in Domino,Notes il

È di questi giorni l’annuncio di un nuovo Feature Pack (9) in arrivo per Notes / Domino e questo mi riporta in mente che ormai IBM è passata al cosiddetto ‘continuous delivery model’ .
In altre parole invece di fare degli aggiornamenti consistenti ma con tempi più lunghi si è passati ai feature pack che contengono magari un minor numero di aggiornamenti o di fix ma che vengono rilasciati più spesso.
E su questo punto, da tecnico e da utente, posso solo essere contento: passa meno tempo fra la segnalazione di un malfunzionamento e la distribuzione della fix relativa a tutta la comunità Notes Domino .
Però questo porta ad un effetto che forse è imprevisto o forse è stato sottovalutato da IBM: il numero di versione di Domino e di Notes è destinato a non cambiare più in quanto si incrementa solo il numero di Feature Pack.
Tecnicamente non cambia nulla ma a livello di percezione e di marketing la differenza è enorme: la frase “non ci saranno più nuove versioni di Notes” l’ho già sentita e di solito preludeva ad altre preposizioni contenenti il concetto “IBM non ci crede più ed il prodotto è alla fine dei suoi giorni”.
A parte il fatto che da almeno 10 anni o più sento dire queste frasi qui siamo di fronte alla classica dicotomia fra le esigenze tecniche (Feature Pack) e quelle di Marketing, dove il secondo sta in questo momento soccombendo.
Ecco, tutto questo per sottolineare lo scollamento fra le intenzioni tecniche e la percezione degli utenti: non vediamo nessuna condanna per Notes e Domino, questi cambio di modalità non sottintende nessuna catastrofe in arrivo.
Però è anche vero che il marketing è importante è che la percezione deve essere cambiata.
Sono contento di vedere che questi punti sono stati recepiti da IBM è la conseguenza (spero non l’unica!) è stata l’organizzazione del Domino Tour 2017 , evento che considero importante proprio perché rivolto ai clienti IBM Domino e Notes e nato col chiaro intento di spiegare anche questa situazione , i suoi motivi ed i risvolti nascosti che non ci sono…Insomma, la rivincita del Marketing!!
Lotus Notes Domino
P.S.  Vi ricordo che le date ed il modulo per iscirivervi all’evento sono qui: http://www.eldeng.it/blog/2017/07/14/domino-tour-aggiornamento-date/


Domino in tour: aggiornamento date

Pubblicato in Annunci,Domino,Notes il

Le date dell’evento “Domino in tour”  sono state aggiornate da IBM . In particolare sono state modificate le prime due date che erano in Luglio spostandole a Settembre.

Ricordiamo che potete iscrivervi a link https://ibm.biz/Bdik7K citando Eld Engineering nel campo “Invito ricevuto da”

Il workshop IBM si terrà quindi nelle sedi IBM in queste date:

Padova 5 Settembre Ore 14:00
Bologna 6 Settembre ore 10:00
Roma 6 Settembre ore 10:00
Cagliari 7 Settembre ore 10:00
Genova 7 Settembre ore 14:00
Torino 12 Settembre ore 10:00
Napoli 13 Settembre ore 10:00
Milano 13 Settembre ore 10:00      
Firenze 14 Settembre ore 10:00
Palermo 14 Settembre ore 10:00

Lotus Notes


Domino TeamMailbox : errore inviando a Gmail

Pubblicato in Domino,Notes il

Oggi sono cascato su di un problema curioso e volevo lasciarne traccia:

La TeamMailbox di OpenNtf è uno strumento molto comodo che permette di creare caselle di posta generiche con delle funzionalità in più rispetto a quelle standard di Domino e Notes . Una delle caratteristiche più apprezzate è il poter configurare il mittente della posta inviata a prescindere dall’utente che effettivamente manda l’email.

Quindi chi si vuole mantenere la classica casella di posta con indirizzo  info@xxxxx.it e nel contempo anche inviare email da questo indirizzo la trova estremamente utile.

Peccato che inviando un’email verso un indirizzo Gmail si ha un messaggio di errore di questo tipo:
Error transferring to gmail-smtp-in.l.google.COM; SMTP Protocol Returned a Permanent Error 550 5.7.1
oppure
Our system has detected that this message is 550-5.7.1 not RFC 5322 compliant: 550-5.7.1 Multiple ‘From’ headers found. 550-5.7.1

Il problema pare fosse noto da tempo ma come al solito trovare la soluzione fa spendere del tempo . In pratica quello che accade è che la routine che invia l’email per errore inserisce due volte il campo From nell’email in partenza e quindi il messaggio viene rigettato da Gmail.

Ora le soluzioni sono due: o mettere mano al codice della TeamMailbox di OpenNtf  oppure adottare il classico workaround da pochissimi minuti. Da Notes entrate nella configurazione della TeamMailbox e nella tab Advanced – Settings inserire lo stesso valore sia nel campo Mailbox title che Internet Address . Potete scrivere il semplice indirizzo di posta oppure quello nel formato Ufficio Informazioni<info@xxxxxxx.it> .

In questo modo essendo i 2 indirizzi uguali la mailbox apparentamente scrive il campo from una volta sola e Gmail accetta il messaggio senza problemi.

Se invece volete mettere mano al codice in questo link potete trovare indicazioni su come e cosa fare .

Se invece volete fare il debug estensivo delle email in uscita per vedere cosa succede sul server Domino in questo link potete trovare le indicazioni.

Lotus Notes Domino Posta

 


Gestione del reset della password Notes dimenticata in modalità self-service

Pubblicato in Applicazioni,Domino,Notes il

La sicurezza dell’ambiente Notes / Domino è sempre stata di standard elevato grazie alla scelta iniziale di gestirla tramite il file .ID del client che contiene, fra gli altri dati, anche la password dell’utente.
In questo modo le password non vengono gestite centralmente in un database ma in modo distribuito sui client Notes.
Se da un lato questo alza il livello di sicurezza dall’altro può diventare un incubo per l’amministratore del sistema nel caso in cui l’utente si dimentichi la password o la password stessa sia scaduta.
Chiunque ha ricoperto il ruolo di amministratore Notes ha dovuto prima o poi recarsi sul PC dell’utente per sostituire il file ID perché la password era stata dimenticata.
Operazione, questa, che può divenire ancora più complessa se il file ID deve essere ricreato in quanto eventuali chiavi per la crittografia dei dati vengono perse ed in alcuni casi si potrebbe perdere l’accesso a dei dati stessi.

Per snellire questo processo e ridurre tali rischi IBM ha introdotto da alcune versioni il concetto dell’ID Vault che centralizza parte della gestione delle password liberando l’amministratore dall’incombenza di recarsi fisicamente sul PC client per sostituire l’ID.
Tuttavia manca in Notes una funziona nativa di auto recupero della password dimenticata da parte dell’utente, sebbene il sistema Domino sia in qualche modo predisposto ad accogliere questo tipo di funzionalità.

ELD PSW gestione delle password in Notes

Per coprire questa mancanza e’ stata realizzata l’applicazione ELD PSW che consente agli utenti di effettuare in autonomia il recupero della password senza dover effettuare richieste di intervento all’amministratore del sistema e alleggerendo quindi l’amministratore stesso da questi compiti.
Nel contempo anche gli utenti ne hanno beneficio in quanto i tempi di recupero password si riducono praticamente a zero poiché non è più necessario attendere l’intervento dell’amministratore di sistema.

 

Gestione delle Password in Notes Domino


Identificazione e autorizzazione all’accesso tramite un processo di Identity and Access management

Pubblicato in Access Management,Applicazioni,Domino,Notes il

In un’organizzazione complessa ed eterogenea gli utenti lavorano su più sistemi, ciascuno con un propria modalità di identificazione ed autenticazione.
La gestione delle richieste di accesso ai diversi sistemi e l’identificazione degli utenti con l’aggiunta della verifica dei livelli di accesso appropriati sono attività molto gravose per gli amministratori.
Spesso (se non sempre) l’amministratore non può sapere se un determinato utente possa o debba accedere ai dati in sola lettura od anche in modifica.
E’ necessario allora far intervenire la persona che è responsabile dei dati o che conosce l’applicazione e può giudicare con cognizione di causa.
In molti casi, per risparmiare tempo, questa procedura non viene seguita e quindi viene accordato all’utente un livello di accesso non congruente alle sue necessità lavorative. Spesso e volentieri tale livello è più alto di quello effettivamente necessario.

Le conseguenze di questi comportamenti normalmente portano a questi effetti:

  • Minore produttività dell’utente (non può portare a termini i suoi compiti per mancanza di accesso corretto ai dati)
  • Maggiori costi di help desk per il supporto agli utenti (chiamate dall’utente per farsi rettificare il livello di accesso)
  • Maggiori costi di amministrazione (l’amministratore deve correggere quanto appena fatto per rettificare i livelli di accesso dell’utente)
  • Compromissione della sicurezza lato utenza. (l’utente ha livelli di accesso troppo alti e può, anche inavvertitamente, compromettere i dati)
  • Difficoltà ad osservare le normative di sicurezza aziendali (le autorizzazioni vengono date a casaccio senza rispettare una regola od un template)

A volte è sufficiente instaurare un processo di autorizzazione che determini se un utente ha l’autorità o meno di gestire alcuni dati ed in che modo.
Con questo semplice accorgimento si ha già un rafforzamento delle politiche che determinano le risorse, accessi o servizi concessi ad un utente.

Tutto questo, ovviamente, non può essere gestito tramite email o peggio ancora telefonate. Deve esistere un processo strutturato che indirizzi queste informazioni in un workflow e ne tenga traccia, registrando al contempo chi e quando ha dato l’apposita autorizzazione. La soluzione migliore è ovviamente avere un’apposita applicazione che mi gestisca il processo.
Da tale processo saranno beneficiati anche gli amministratori di sistema che non dovranno più farsi carico di verificare le richieste degli utenti ed avranno la sicurezza di agire nei binari delle regole aziendali.

Eld Engineering Access Management


Il futuro delle applicazioni Notes / Domino

Pubblicato in Applicazioni,Domino,Notes il

Modernizzare le applicazioni Notes : la strada per salvaguardare gli investimenti aziendali

Se la tua azienda ha usato IBM Notes e Domino per anni è molto probabile che ci siano ora una serie di applicazioni basate su questa piattaforma.

Come conseguenza i server Domino dell’azienda ospitano probabilmente diverse applicazioni, assolutamente eterogenee in termini di uso, complessità e valore.
Supportare, mantenere ed avere il controllo di queste applicazioni può essere spesso un vero problema .

Le classiche applicazioni Notes avevano (ed hanno) la tendenza ad essere poco visibili: spesso implementate come prototipi per rispondere ad esigenze estemporanee col tempo si sono estese a rami diversi dell’azienda rispondendo ad esigenze diverse .
Iniziate come “due forms e quattro views” (gli sviluppatori mi capiranno benissimo) col tempo sono diventate più complesse andando a coprire ambiti ed ambienti che normalmente sarebbero stati ignorati e che hanno invece trovato la soluzione alle loro richieste.

Il tutto a bassi costi ed a tempi di sviluppo contenuti : Notes e Domino sono sempre stati una ambiente RAD per eccellenza e con scarsi costi di manutenzione vista la stabilità della piattaforma.

Oggi molte aziende sono consapevoli delle pratiche ALM (Application Lifecycle Management) . Uno dei concetti fondamentali è quello della razionalizzazione e del consolidamento di questi ambienti .

Come già mi è capitato più volte di dire non esiste una procedura di migrazione delle applicazioni Notes verso un’altra piattaforma. Probabilmente potrete migrare i dati contenuti nell’applicativo stesso ma non la logica ed il codice: quello dovete riscriverlo tutto.

Ovviamente questo ha un forte impatto in termini di costi e tempi per non parlare degli eventuali problemi che possono sorgere nel passare da una applicazione consolidata negli anni ad una totalmente nuova e riscritta (per fare le stesse cose).

Da un recente studio di Kpmg risulta che la maggior parte delle aziende si stanno concentrando proprio su questi aspetti, anche per evitare nuovi costi e massimizzare i benefici degli investimenti già fatti negli anni.

Il mantenimento e la modernizzazione delle applicazioni risultano quindi essere la strada vincente in termini di rapporto costi/benefici: un’applicazione sviluppata magari su Notes 5 può beneficiare in modo significativo di tutte le nuove possibilità offerte da Notes e Domino 9 , magari essere portata su interfaccia browser e diventare anche responsiva per essere usufruibile anche su dispositivi mobile od interfacciarsi ad altri sistemi aziendali aumentandone quindi le possibilità ed il suo valore.

Il tutto a costi minori e salvaguardando gli investimenti aziendali.

 

 


Alert : Domino designer e Windows10 Creators Update

Pubblicato in Alert,Domino,Notes il

Secondo un recente bollettino di IBM è possibile che Windows 10 Creators Update vada in crash col famoso schermo blu lavorando mentre si lavora sulle Xpages.

Seguite il link per i dattagli dal sito IBM:

http://www-01.ibm.com/support/docview.wss?uid=swg22002412